lunedì 6 ottobre 2014

Lisbona



Chi mi segue su Facebook sa, che qualche settimana fa, ho festeggiato un importante anniversario di matrimonio, nella bellissima capitale portoghese.
E' stata una vera e propria sorpresa organizzata da nostro figlio in pochissimi giorni ma è stata una vera "rivelazione"!


Mari Crea Photography









E' difficile descrivere, di primo acchito, una città che sembra uno strano mixer tra Amsterdam (o comunque una città olandese o fiamminga) e Napoli o Palermo.
I palazzi antichi sono colorati e decorati, spesso dalle famosissime maioliche o "Azulejos" e anche le finestre dai vetri ripartiti si rifanno più al Nord che al Sud.
Ma la parte vecchia, l'Alfama, si snoda in salita, attraverso vicoli stretti e case fatiscenti, dove panni stesi e profumi "marinari" ci trasportano magicamente nei "Quartieri spagnoli" o nella "Vucciria".
Quello che, però, mi ha colpito maggiormente è la luce...una meravigliosa e mutevole luce atlantica perfetta per le tele di un pittore o per gli scatti di un fotografo paesaggista.
Io, che paesaggista non sono, ho cercato di catturare quel cielo che, nel giro di pochi secondi, da imbronciato e cupo diventava splendente e terso, con le nuvole bianche e spumose, che viaggiavano velocemente a vista d'occhio.
E' stata una full immersione nella storia di questa città, scandagliata in lungo e in largo, con i mezzi pubblici locali, specialmente i famosi tram storici di legno, senza vetri (ma tanto il clima è mite anche in inverno, anche se con la pioggia, il passeggero accanto al finestrino non può esimersi da una doccia fuori programma) che si arrampicano per le strettissime vie del centro sfiorando le case e scendono, quasi in picchiata, superato l'apice dell'altura, procurando, ai passeggeri un piccolo brivido, quasi da "montagne russe.
Oltre a questi affascinanti mezzi d'epoca, c'è un'efficiente rete di autobus e tram di ultima generazione  per non parlare della metropolitana che, pur non essendo capillare come quella di altre città europee, è comunque ben distribuita e può contare su 4 linee (la città non è poi così grande). La nuovissima linea rossa, termina all'interno del modernissimo aeroporto e questa è una comodità che in Italia ci sognano (almeno credo).
Si può considerare una città di mare, anche se tecnicamente, le acque che la bagnano sono quelle di un fiume, il Tago. Ma questo bacino è talmente vasto e vicino all'oceano, da essere salato e da sembrare davvero mare.
Voglio concludere con una nota dolce e golosa...chi di voi ha assaggiato i "Pasteis de Nata" i famosissimi dolci tipici? Sono così buoni che mi sono ripromessa di provare a rifarli...vi terrò aggiornati!



Lisbon
Mari Crea Photography
Lisbon
Lisbon
Lisbon
Lisbon



12 commenti:

  1. Oh...! Sono stata a Lisbona in gita l'ultimo anno di liceo e me ne sono innamorata, è una città che mi ha conquistata e che porto nel cuore. Ogni volta che ne sento parlare o ne vedo le immagini, rimango con il fiato sospeso. Grazie per queste bellissime immagini che esprimono perfettamente il fascino di questa splendida città!

    RispondiElimina
  2. Che bello Mari e che carino tuo figlio!!! Buon anniversario in ritardo!

    RispondiElimina
  3. non conosco Lisbona, ma le tue foto... mi hai mostrato una gran signora!
    lori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una città da vedere Lori.
      Un abbraccio
      Mari

      Elimina
  4. eravamo indecisi tra Varsavia e Lisbona.....mi sa tanto che la prossima metà sarà sicuramente Lisbona...bellissime foto!!!! Un abbraccio grande lory

    RispondiElimina
  5. Ci sono stata anch'io e ci tornerei molto volentieri... e quei pateis de belem, che cosa non sono!!!! Una città da non perdere. Un abbraccio Mari. :)

    RispondiElimina
  6. Tuo figlio è un grande! Io non ci sono mai stata a Lisbona ma le tue foto rendono perfettamente l'idea, come il tuo racconto. Ora però mi hai incuriosita con la ricetta dei dolci.....guarda che l'aspetto eh! E auguri, in ritardo magari, ma ASSOLUTAMENTE sinceri!!! Un abbraccio. Paola

    RispondiElimina
  7. Lisbona è molto particolare sia per architettura che come negozi. Ho strade e piazze meravigliose, monumenti e vetrine incredibili. E poi c'è il fado e i pasteis de Belem o di Nata (io li ho gustati entrambi!). Grazie per avermela fatto rivivere attraverso le tue foto
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, davvero una città particolare...e i Pasteis? troppo buoni!
      Un abbraccio
      Mari

      Elimina
  8. Sei sempre più brava Mary! che bel viaggio! ;D

    RispondiElimina
  9. I want to be there now ;) ! ! !

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...